INDICATORI DI TRADING

Questo articolo è dedicato a coloro che sono alle prime armi nel trading online e si stanno formando, oggi parliamo di come si utilizzano gli indicatori tecnici nel trading e inoltre vi parliamo degli indicatori più usati dai trader e le strategie che puoi utilizzare per avere un potenziale profitto dai questi segnali.

Questi modelli sono forme particolari che i candelabri formano su un grafico di prezzi e danno informazioni su dove in futuro il prezzo potrebbe andare. Gli indicatori vengono aggiunti o sovrapposti su questi grafici che danno informazioni aggiuntive grazie a calcoli matematici sui prezzi e sul volume. Tutto questo ci permette di comprendere la tendenza avrà il prezzo.

Ci sono 4 principali indicatori, indicatori di tendenza, indicatori di quantità di moto (momentum), indicatori di volume e indicatori di volatilità.

Iniziamo a parlare degli indicatori di tendenza che indicano ad un trader in quale direzione si sta muovendo un mercato economico, se c’è una tendenza. Comunemente vengono anche chiamati oscillatori, questo poichè tendono a spostarsi tra valori alti e bassi come un’onda. Gli indicatori di tendenza più utilizzati sono le Paraboliche SAR e MACD.

Gli indicatori di momentum (indicatori di quantita di moto) indicano la forza della tendenza e indicano anche un cambio di tendenza. E’ molto utile per scegliere i prezzi migliori e inferiori. Gli indicatori di momentum più popolari sono RSI, ADX Indicatore stocastico, ADX.

Poi troviamo gli indicatore di volume che ci indicano come il volume sta cambiando nel tempo e quante unità di un bene vengono acquistate o vendute nel tempo. Questo è utile quando il prezzo cambia, il volume fornisce quanto è forte la mossa. I movimenti in aumento ad alto volume hanno maggiore possibilità di essere mantenuti rispetto a quelli a basso volume.

Infine ci sono gli indicatori di volatilità che indicano quanto sta cambiando un prezzo in un determinato periodo di tempo. La volatilità è molto importante del mercato e senza di esso non si potrebbero generare profitti. Maggiore è la volatilità, e più rapidamente cambia il prezzo. La bassa volatilità ci indica piccoli movimenti di prezzo di un bene, l’alta volatilità ci indica grandi movimento di prezzi. L’alta volatilità ci indica inoltre che ci sono inefficienze di prezzo sul mercato e che i trader esprimono inefficienza, profitto. L’indicatore di volatilità per eccellenza sono le Bollinger Bands (le bande di Bollinger).

Gli indicatori tecnici aiutano il trader a farsi un idea di dove nel futuro andrà il prezzo in un dato mercato, permettendoci così di prendere decisioni di trading importanti. Come trader, il nostro compito è comprendere dove potrebbe andare il mercato ed essere pronto per ogni evenienza. Non è importante sapere esattamente dove andrà il mercato, ma capire le diverse possibilità ed essere posizionati per qualunque occasione.

Ricordate i trader esperti fanno i loro profitti nei mercati rialzisti e ribassisti. Approfittano di posizioni lunghe e corte. Non è necessario attaccarsi alla direzione del mercato finché il prezzo si muove puoi trarne profitto.

Gli indicatori sono i tuoi migliori alleati, sono un ottimo strumento da utilizzare. Possono aiutare a valutare entrata di una negoziazione, la direzione del mercato che hai scelto di negoziare, ti rende anche più sicuro sulle tue decisioni di trading. E’ importante per sfruttare al meglio gli indicatori, di combinarli. Trovare la propria combinazione, prova a combinare i vari indicatori e individua la combinazione che fa per te. L’obiettivo è quello di trovare una tua strategia.